Teatro della Tosse, in scena il dramma adolescenziale di Aïcha

Di il Febbraio 5, 2019
Jevo photography

GENOVA – Debutto nazionale d’eccezione per “Se mia madre mi facesse a pezzi nessuno mi verrebbe a cercare” al Teatro della Tosse. Mercoledì 5 e giovedì 6 febbraio alle ore 20.30 va in scena lo spettacolo tratto dal romanzo canadese “Et au pire, on se mariera” di Sophie Bienvenu, tradotto da Sonia Fenoglio e Anna Giaufret.

L’adattamento teatrale di Elena Dragonetti che ne cura la regia vede protagonista Marta Prunotto.

Nell’ambito di questo progetto si è scelto di dare l’opportunità a una ragazza tra i 16 e i 20 anni di essere la protagonista dello spettacolo, scelta attraverso una serie di provini. Lo spettacolo è prodotto da Narramondo Teatro in collaborazione con il Teatro della Tosse, con il sostegno del Conseil des arts du Canada, dell’Ambasciata del Canada a Roma, dell’Università di Genova e del Dipartimento di Lingue e Culture Moderne.

Il romanzo è stato accolto con molto entusiasmo in Canada e la traduzione italiana, appositamente pensata per questo debutto nazionale è stata curata dal Dipartimento di Lingue e Culture Moderne dell’Università di Genova con il coordinamento della Professoressa Anna Giaufret.

La storia

Aïcha è un’adolescente caotica, passionale, con una sensibilità a carne viva e un bisogno di amore e di attenzione insaziabile.

Nata e cresciuta nella difficile periferia di Montréal, a 13 anni si trova catapultata in una stanza scarna e vuota di fronte ad una sconosciuta, muta interlocutrice di un dialogo che si trasforma presto in monologo, a difendersi da un’accusa che potrebbe decidere del suo futuro.

Nel suo lungo racconto si snodano gli eventi della vita che l’hanno condotta fino a questo punto. Eventi le cui ferite faticano a sanarsi e sembrano infettare tutto quello con cui entrano in contatto.

E nonostante questo in Aïcha quello che ci colpisce e ci lascia smarriti è il candore intatto dei sentimenti, l’impulsività, la goffaggine, la franchezza, i sogni, ancora presenti, di una bambina che si è appena affacciata all’adolescenza.

Anche se le esperienze di vita le hanno chiesto di crescere prima del tempo, c’è qualcosa nel suo sentire che è rimasto impigliato in una freschezza commovente.

<A questa età, si ha la pelle viva> scrive l’autrice <O meglio non si ha pelle>

Marta Prunotto protagonista di “Se mia madre mi facesse a pezzi nessuno mi verrebbe a cercare” al Teatro della Tosse (foto Jevo Photography)

E forse è proprio questo che rappresenta Aïcha una ferita aperta, e il fatto che lei non arrivi mai del tutto a comprendere la propria sofferenza rende il suo racconto straziante. Il bisogno di amore è talmente viscerale e l’amore, per lei, talmente sconosciuto che la sua ricerca diventa un viaggio disperato e mai pago nel tentativo di colmare vuoti incolmabili.

Da qui si scivola velocemente nel tragico epilogo.

< Non amo molto il bianco e il nero. Penso che in molti casi ci siano delle zone grigie. E avevo voglia di raccontare una storia in cui si vanno a toccare queste zone grigie. Non volevo scioccare, perché scioccare porta le persone a difendersi e a non volerne sapere più niente. Ma volevo disturbare, quello sì.> Sophie Bienvenu

Lo spettacolo

In scena una sola giovane attrice, in una stanza come quelle dei colloqui di un commissariato di polizia. Attorno a lei, i luoghi della sua vita, del suo vissuto, del suo immaginario.

Tutto passa attraverso gli occhi della protaginista. È dal suo sguardo, dal suo continuo contraddirsi, dal suo nascondersi e improvvisamente svelarsi con un candore inaspettato, che gli spettatori immaginano, vedono luoghi, conoscono gli altri protagonisti della storia, e ricostruiscono pezzo a pezzo la vicenda come in un noir psicologico.

La scrittura è tagliente e in grado di scandagliare l’animo umano nei suoi risvolti più contradditori.

Il linguaggio è talmente fedele alla realtà di Aïcha, al contesto in cui vive, e al suo sentire che abbiamo deciso di fare una scelta ardita.

Abbiamo voluto che ad abitare le parole della protagonista non fosse un’attrice ma una vera adolescente, una ragazza, giovanissima, in cui quel mondo è ancora vivo, presente, a carne viva.

Per info

www.teatrodellatosse.it

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento