Teatro Pubblico Ligure: XVI “Scali a mare Pieve Ligure Art Festival” di Pieve al via venerdì 7 luglio con “Suor Blandina”

Di il 5 Luglio 2023

PIEVE LIGURE (GE) – C’è tanta musica nella XVI edizione lo Scali a mare Pieve Ligure Art Festival, ideato e diretto da Sergio Maifredi per Teatro Pubblico Ligure con il sostegno del Comune di Pieve Ligure, in programma dal 7 luglio all’8 agosto 2023 in tutti e tre gli scali: Demola, Chiappa e Torre. Sono tre spazi tra gli scogli, in riva al mare, dove gli spettacoli e il pubblico sono immersi in un panorama unico che si perde all’orizzonte seguendo la linea della costa, tra le lampare e le stelle. Si comincia venerdì 7 luglio allo Scalo Demola con “Sister Blandina” con Massimo Minella, autore insieme a Danila Suzzi, del racconto sulla suora nata a Cicagna e divenuta famosa nel Far West, così prodiga con gli ultimi da essere diventata oggetto del processo di canonizzazione tuttora in corso. Le parole del giornalista a scrittore Massimo Minella saranno accompagnate dalla musica originale di Edmondo Romano, suonata dal vivo. Si prosegue martedì 25 luglio allo Scalo Chiappa con il concerto “Rammendi musicali” di Mario Incudine e Antonio Vasta. Entrambi gli spettacoli sono prodotti da Teatro Pubblico Ligure. Il Festival si chiude martedì 8 agosto allo Scalo Torre con il concerto “A qualcuno piace… Fred!” di Maurizio Pellegrini con The Chamber Swing Orchestra, dedicato alle musiche di Fred Buscaglione. Gli spettacoli iniziano alle 21,15. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. In caso di pioggia le serate si svolgono al Teatro Massone di Pieve Alta. Informazioni al numero 010/3462247 del Comune di Pieve Ligure. Aggiornamenti sul sito www.teatropubblicoligure.it

Venerdì 7 luglio (ore 21.15) allo Scalo Demola di Pieve Ligure, Massimo Minella racconta la storia di “Sister Blandina. Le avventure di una suora dalla Liguria al Far West”, scritto insieme a Danila Suzzi e prodotto da Teatro Pubblico Ligure.  Lo spettacolo è accompagnato dalle musiche originali di Edmondo Romano, eseguite dal vivo. Il vero nome di Sister Blandina è Maria Rosa Segale. Ha solo 4 anni quando, alla metà dell’800, insieme alla sua famiglia emigra negli Stati Uniti. Lascia per sempre la sua casa di Cicagna e raggiunge il porto di Genova per affrontare un lungo viaggio che la porterà fino a Cincinnati, in Ohio. Qui conoscerà le Suore della Carità e si unirà a loro. Maria Rosa diventerà Suor Blandina e a 22 anni partirà sola, attraversando gli Stati Uniti, in un’avventura che la condurrà fino al lontano e selvaggio ovest del Paese, il Far West. Una scelta progressista, rivoluzionaria, di emancipazione femminile per compiere la propria missione sempre dalla parte degli ultimi e di chi vive ai margini della società statunitense, immigrati, ispanici, indiani, fuorilegge. Tra le prime a porre la questione dei nativi americani, Suor Blandina è venerata Stati Uniti, Paese che le ha dedicato libri, fumetti e serie televisive. Suor Blandina è Serva di Dio dal 2014 ed in corso la sua causa di beatificazione. È il momento di riconoscere il suo impegno e ricordare la sua figura anche in Italia. Massimo Minella allo Scalo Demola ha già portato “La leggenda del Rex. Dal Nastro Azzurro a Fellini” e di recente ha condotto insieme a Sergio Maifredi il progetto di teatro di comunità “Lo sguardo di Telemaco” a Riomaggiore, nelle Cinque Terre.

Martedì 25 luglio (ore 21.15) Mario Incudine e Antonio Vasta tornano allo Scalo Chiappa con il concerto “Rammendi musicali”, progetto ideato e diretto da Sergio Maifredi, prodotto da Teatro Pubblico Ligure. Una serata fra musica e parole, in cui i due artisti siciliani, un attore che ha iniziato come cantastorie e un maestro concertatore diplomato al Conservatorio, presentano al pubblico il loro repertorio di canzoni e racconti, tra tradizione e nuovi brani. Da diversi anni partecipano alle iniziative di Teatro Pubblico Ligure, tanto da avere raccolto un cospicuo seguito di affezionati tra gli spettatori liguri. L’incontro è avvenuto da al Teatro Greco di Siracusa dove nel 2015 Mario Incudine era interprete e autore delle musiche de “Le supplici” con la regia di Moni Ovadia. Antonio Vasta e Mario Incudine hanno scritto musiche e collaborato con artisti come Franco Battiato, Biagio Antonacci e Kaballà.

Martedì 8 agosto (ore 21.15) il XVI “Scali a Mare Pieve Ligure Art Festival” si chiude allo Scalo Torre con la musica di Fred Buscaglione celebrata nel concerto “A qualcuno piace… Fred!” di Maurizio Pellegrini con The Chamber Swing Orchestra. Una fredda mattina del 1960, usciva di scena insieme alla sua Thunderbird rosa, un giovane cantante italiano: Fred Buscaglione.
Dalle serate nelle sale da ballo di una Torino anni ’30 alle lunghe tournée all’estero e all’improvviso successo nazionale, una vita dedicata alla musica tra difficoltà economiche e voglia di fare, eterne amicizie, amori difficili e grandi soddisfazioni.
Maurizio Pellegrini & The Chamber Swing Orchestra ripercorrono l’avventura del giovane Fred e dei suoi “Asternovas” fino all’incontro col paroliere Leo Chiosso e l’invenzione di un mondo americano quasi da romanzo bulli&pupe. “Che notte!”, “Teresa non sparare”, “Il dritto di Chicago”, “Che bambola!”, sono solo alcuni dei titoli che hanno fatto di Buscaglione un grande precursore del suo tempo e che vivono ancora oggi prepotentemente nelle menti dei grandi appassionati. Un modo per conoscere e ricordare il grande Fred, per poterlo ritrovare «al fondo di un bicchiere, nel cielo dei bars», come recita una delle sue canzoni.

Lo “Scali a mare Pieve Ligure Art Festival” è prodotto da Teatro Pubblico Ligure, Ministero della Cultura e STAR – Sistema Teatri Antichi Romani, con il sostegno del Comune di Pieve Ligure e della Regione Liguria attraverso Teatro Pubblico Ligure, con la collaborazione della Pro Loco di Pieve Ligure. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Per chi usa i mezzi privati è disponibile il parcheggio nei pressi della stazione Ferroviaria di Pieve Ligure. Informazioni al numero 010 346 2247 del Comune di Pieve Ligure o su www.teatropubblicoligure.it. In caso di pioggia gli spettacoli avranno luogo al Teatro Massone di Pieve Alta.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento