LA “GENOVA BEDESIGN WEEK 24” CHIUDE CON OLTRE 20 MILA PRESENZE

Di il 27 Maggio 2024

Bissato il successo del 2023 grazie all’equilibrio tra professionisti del design, le imprese espositrici e il pubblico. Grande partecipazione ai  percorsi “Outdoor senza confini” , “Container”, “Under 35” e “La Casa cambia pelle”. Registrato il tutto esaurito per gli eventi del Design Festival.

GENOVA, 27 maggio 2024 – Genova torna protagnista del design. Complice il ricco calendario degli appuntamenti tra conferenze, convegni, talk, momenti musicali e visite guidate, la massiccia presenza di espositori e installazioni, e i percorsi sensoriali per il tema “Design in movimento”, una delle novità di quest’anno, la Genova BeDesign Week 24 conferma il dato della passata edizione con poco più di 20 mila presenze registrate e l’appendice dell’anteprima Design Festival che ha portato nel capoluogo ligure quattro archistar di livello internazionale (Michele De Lucchi, Fabio Novembre, Clara Bona e Luca Molinari). Fondamentale anche la partecipazione di eccellenze come Alfonso Femia, Carlo Orsini, Hembert Penaranda, Patrizia Moroso, Catia Grossi, Giianluca Peluffo, Ugo La Pietra.

Un successo che va oltre le aspettative e testimonia la crescita costante di un evento che dal 2018 ha valorizzato la rive gouche di una parte della città vecchia – la zona compresa tra via San Lorenzo, via San Bernardo e Santa Maria di Castello – e coinvolto un numero sempre più alto di professionisti del settore. «La Genova BeDesign Week si conferma appuntamento della tradizione genovese capace non solo di coinvolgere la città ma di portare da quest’anno anche visitatori da altre parti d’Italia – riflette Elisabetta Rossetti, presidente del DideDistretto del Design di Genova -. Rispetto alle precedenti edizioni ho visto tutte le piazze e i luoghi espositivi più affollati. Ciò ripaga il lavoro di squadra e i sacrifici fatti in cinque anni di GBDW».

Grande successo anche per i percorsi rientrati nel tema “Design in movimento”, con particolare riferimento ad Outdoor senza confini con diverse installazioni in spazi esterni (piazze del Centro Storico, atri di palazzi storici, aranceto di Santa Maria di Castello) che ha portato anche una riflessione ai nuovi modelli di progettazione del verde sostenibile. Altro tema, Container, sponsorizzato da Afis, che ha proposto in piazza Matteotti e piazza San Lorenzo creazioni di designer all’interno di spazi come involucri che racchiudono oggetti, sensazioni e pensieri. L’installazione in piazza San Lorenzo, in particolare, ha ripreso il disegno originario di una casa presente nell’area nel periodo medievale.

Conferme anche per “Concorso Designer Under 35Flussi Creativi”, percorso dedicato ai giovani designer. Tra i premiati figurano “Fragment” di Studio Sospeso, maniglie di porte realizzate con ceramica artigianale e materiale in legno di olivo colpito dal batterio xylella e poi recuperato, che contemporaneamente si aggiudica anche il terzo premio Afis. Premiato anche “Zestep” di Leonardo Cavalluzzi, un progetto di ricerca e sostenibilità ambientale. Stesso premio va a Francesco Pio Carpentiere che ha convinto la giuria con “Terra”, mobili in acciaio composti con elementi di recupero e reti per la raccolta delle olive, progetto che si aggiudica contemporaneamente anche il primo premio Afis della Bedesign Week 24. Altro premiato Mattia Fontana con “Bigo”, lampade da appendere fatte con tessuto di lino gommato, e “Millebolle” di Elia Maschio, divano gonfiabile realizzato in moduli a forma sferica e tessuto esterno in maglia. Altri riconoscimenti sono andati a Paolo Gentile con l’opera “Pocopiano”, a Fenia Capobianco con “Kosmikit”, alla collettiva Moonrabbit con l’opera “Moon Landig”, a Joanne Jones per “Amadutsu”, a Lorenza di Di Gioia e Samuel Filippini per “Mize Anti Crash” e Cristian Li Voi per “Falesia”, mentre “Cupido Abrezio Design” di Andrea Arquiolo, Luca Chieco, e Cleto Silvia Dell’Orco si aggiudica il secondo premio Afis. Valore aggiunto della GBDW 24 anche il nuovo format Design Festival che ha coinvolto quattro stelle dell’architettura, Michele De Lucchi, Fabio Novembre, Clara Bona e Luca Molinari con il tutto esaurito di presenze registrato per ogni dialogo.

Significativi anche i numeri registrati quest’anno. Sono stati 166 gli espositori coinvolti e 122 gli appuntamenti in calendario suddivisi tra convegni (20), eventi nel distretto (46), eventi fuori distretto (19), momenti musicali (35) e mostre (2). In aumento anche i luoghi espositivi (110) tra atri di palazzi (42), attività del distretto (36) e fuori dal distretto (7), piazze (12). A proposito di numeri: dalla nascita del Dide Distretto del Design di Genova, nel 2017, hanno aperto ben 21 attività nella zona di piazza dei Giustiniani. L’opera di rigenerazione urbana del Dide prosegue.

Annunciate, infine, le date della sesta edizione della Genova Be Design Week: si svolgerà dal 21 al 25 maggio 2025 con un nuovo tema non ancora svelato.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento