PONTE MORANDI, SI LAVORA SENZA SOSTA PER LA RIMOZIONE DELL’ASFALTO DAL TRONCONE OVEST

Di il Gennaio 21, 2019
Emilio Scappini

Proseguono i cantieri in Valpolcevera: le foto delle attività in corso

GENOVA – Proseguono i lavori di demolizione dei resti del Ponte Morandi.

Lo scorso 17 gennaio, nonostante il meteo sfavorevole, sono iniziate le attività di scarifica dell’asfalto sull’impalcato del moncone ovest e la rimozione dei new jersey.

I lavori nella zona della Valpolcevera sono finalizzati alla messa in sicurezza e alla demolizione di ciò che resta del Ponte crollato lo scorso 14 agosto (foto in copertina di Emilio Scappini), seguirà la costruzione della nuova infrastruttura così come progettata dall’architetto Renzo Piano.

Per i prossimi giorno sono previste le attività di scarifica del tampone 3, l’impalcato sospeso su corso Perrone, e lo smantellamento delle carpenterie accessorie cioè tutto il materiale ferroso che andava a comporre la struttura. Per giovedì è invece previsto il taglio sulla pila 8.

I lavori continuano incessantemente, rimane un’incognita il meteo dei prossimi giorni. L’eventualità della neve potrebbe bloccare i cantieri, le squadre e i mezzi necessari sarebbero impossibilitati a salire sul viadotto per problemi di sicurezza.

 

 

Galleria fotografica di Emilio Scappini

Mentre si lavora sul campo, il Commissario per la ricostruzione del Viadotto sul Polcevera, Marco Bucci, e il Prefetto di Genova, Fiamma Spena hanno firmato il protocollo di intesa per la prevenzione dei tentativi di infiltrazione criminale.

Il protocollo fissa tutta una serie di procedure atte rafforzare la  prevenzione  dei  tentativi  di infiltrazione  della  criminalità  organizzata  e  di  ogni  iniziativa  illecita  in  relazione  alle  imprese  soggette  a  controllo  antimafia  con  l’ intento,  inoltre, di garantire l’identificazione di chiunque acceda  al  cantiere  e  ai  sub – cantieri dell’Opera.

Il documento prevede anche la creazione di una Banca dati degli  esecutori costituita ad  hoc, che consenta il monitoraggio:

a) nella  fase  di  esecuzione  dei  lavori,  degli operatori  economici  impegnati nell’Opera, compresi  i  parasubordinati  e  i  titolari  delle  “Partite  IVA  senza dipendenti” e dei soggetti che comunque alle aree di cantiere;

b) dei flussi finanziari connessi alla realizzazione delle opere;

c) delle condizioni di sicurezza dei cantieri e del rispetto dei diritti contrattuali dei lavoratori impiegati;

d)  dei  dati  relativi  alla  forza  lavoro  presente  in  cantiere,  con  la  specifica,  per  ciascuna unità, della qualifica professionale;

e)  dei  dati  relativi  alla  somministrazione  di  manodopera,  in  qualsiasi  modo organizzata ed eseguita.

Il protocollo nasce dall’esigenza di dare – pur nella azione in deroga del Commissario – la massima attenzione al tema legalità, pur nella necessità di fare tutto velocemente.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento