Nasce ExploraCity, il nuovo modo di vivere la città

Di il aprile 13, 2017
porto antico

GENOVA – Questa mattina, al Porto Antico, è stato presentato il progetto EXPLORACITY, una piattaforma innovativa per offrire nuovi servizi per la valorizzazione dei Beni Culturali sfruttando tutte le potenzialità offerte dalle più avanzate tecnologie e dai più recenti canali media.

Il progetto nasce dall’esperienza di ETT Spa, industria digitale e creativa genovese specializzata in innovazione tecnologica ed experience design, e vede in Genova il contesto ideale per realizzare e dimostrare le potenzialità delle nuove tecnologie al servizio del Cultural Heritage.

Utilizzando strumenti di geolocalizzazione e di realtà virtuale e aumentata, EXPLORACITY offre una gestione veloce e innovativa di contenuti e funzionalità consentendo, ad esempio, pianificazione di itinerari e localizzazione outdoor e indoor.

La scoperta fisica della città inizia presso un hub turistico che il Comune di Genova, per il periodo di test, ha individuato negli spazi dell’ufficio IAT del Porto Antico. Al visitatore vengono offerte mini esperienze virtuali su percorsi culturali e questi può interagire con strumenti touch e visori VR scoprendo i primi aneddoti e vedendo le prime ricostruzioni della storia e della crescita culturale della città. Una volta selezionato e installato il percorso sul proprio dispositivo mobile, il turista è guidato in una scoperta interattiva dei luoghi fisici che si arricchisce di contenuti multimediali e di realtà aumentata e virtuale per rendere la visita della città un’esperienza immersiva e altamente suggestiva. “La scoperta di Genova nelle sue mille sfaccettature si arricchisce di questa nuova esperienza che sfrutta al meglio le più moderne tecnologie – commenta Carla Sibilla, assessore alla Cultura e al Turismo – Questa nuova offerta permetterà ai turisti, ma anche ai nostri cittadini, di conoscere in maniera piacevole e inedita interessanti aspetti della nostra città a partire dalle sue radici”.

“ETT è una realtà fondamentale tra le imprese innovative genovesi – sottolinea Emanuele Piazza, assessore allo sviluppo economico – Fin da subito abbiamo apprezzato e condiviso il progetto e lo abbiamo sostenuto al Ministero dello sviluppo economico. Genova lo sta già facendo e può sviluppare ulteriormente un ruolo importante nell’innovazione digitale applicata alla fruizione dei beni culturali. Il terreno di piccole e medie imprese è molto fertile e questo progetto ne è un esempio concreto”

C. S.

 

 

 

 

 

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Chiara Tasso e Chiara Gaddi. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento