LIFE FESTIVAL: NOVE GIORNI SU CULTURA E TRANSESSUALITÀ

Di il aprile 28, 2017

-GENOVA- Una ricca serie di eventi culturali per riflettere sull’identità di genere e sui diritti LGBT

 

Dal 6 al 14 maggio a Genova si svolgerà la seconda edizione del Life festival, serie di appuntamenti di riflessione e approfondimento delle tematiche legate alla cultura LGBT. Incontri per bambini e adulti, spettacoli teatrali, proiezioni di documentari, dibattiti ed esperienze saranno gli strumenti impiegati per fare il punto sui diritti LGBT in Italia. Queste opportunità di scambio culturale avranno luogo in numerose sedi: al Teatro della Tosse, all’Altrove – Teatro della Maddalena, a La Claque, ai Giardini Luzzati, al Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, al Cinema Sivori e alla Biblioteca De Amicis.

 

L’edizione di quest’anno è incentrata sulla transessualità, che secondo il presidente di Arcigay Genova Claudio Tosi «è il punto migliore da cui partire per poter tornare a parlare di genere nel mondo corretto. In realtà ognuno vive una sua transizione, ad esempio rispetto alla vecchiaia o al lavoro, e per questo le persone transessuali sono l’esempio migliore per riflettere sulla natura umana nel suo complesso».
Un programma molto ricco che prevede quattro spettacoli teatrali, cinque lungometraggi e un cortometraggio, con un totale di 16 proiezioni, due concerti, tre laboratori didattici per bambini, uno per adulti e due incontri pubblici.

 

Il via al festival sarà dato sabato 6 maggio alle 18.30 nel foyer del Teatro della Tosse. Tra gli ospiti Marco Doria, sindaco del Comune di Genova, ente che patrocina l’evento assieme alla Città metropolitana di Genova. All’incontro seguirà un aperitivo.

Nello stesso teatro, alle 21.30 si terrà la prima rappresentazione con “MDLSX“, con la regia di Enrico Casagrande Daniela Nicolò, prodotto da Motus. MDLSX è composto da brandelli autobiografici ed evocazioni letterarie, ed è focalizzato sul corpo e sulla sua interpretazione. Allo spettacolo seguirà un dj set.

 

Il giorno dopo, domenica 7 maggio, altri due appuntamenti:
– il primo, alle 16.00 al Teatro della Tosse, sarà un laboratorio per bambini dal titolo “Amici Incubi”. Si leggerà il libro “Mi piacciono gli incubi”, di Severine Vidal e Amelie Grauz;
– il secondo vedrà alle 21.15 al Teatro Altrove la proiezione di “Gayby Baby“, documentario che segue le vite di quattro ragazzini i cui genitori sono gay.

 

Lunedì 8 maggio la Biblioteca De Amicis sarà il luogo in cui si svolgerà il secondo laboratorio per bambini. Alle 17.00 sarà letto il libro “Sembra questo sembra quello” di Maria Enrica Agostinelli (ed. Salani).
In serata, alle 16.00, alle 19.00 e alle 21.15, si terranno le proiezioni del film “Stonewall”. La pellicola in programma al Cinema Sivori è di Roland Emmerich, e narra la nascita del movimento LGBT contemporaneo partendo dalla presa di coscienza della propria sessualità da parte di un giovane gay.

 

Martedì 9 maggio il fulcro del Life festival sarà ancora il Cinema Sivori, che proporrà la visione di “Rara“. Questo lavoro cinematografico racconta di una ragazzina che vive con la sorella minore, la madre e la compagna di quest’ultima. La storia si snoda attorno all’ansia della giovane di farsi accettare e giudicare dai compagni di scuola.
La tappa successiva sarà alla Claque alle 21.00, con il concerto musicale “Let’s do the time warp again #musicforlife”. Nella serata si esibiranno il gruppo Pandango e la Unconventional Band. Questi ultimi proporranno tutti i brani del Rocky Horror Picture Show, accompagnati dal narratore Massimo Vianello.

 

Mercoledì 10 maggio un altro evento cinematografico: alle 21.00 al Teatro Altrove avrà luogo la proiezione di “Chi salverà le rose?”, una delicata storia d’amore fra due uomini anziani e un rapporto fragilissimo con la figlia di uno di loro. Girato ad Alghero, il film è prodotto e distribuito dalla indipendente Corallo Film, è diretto da Cesare Furesi, ed è con Carlo Delle PianeLando Buzzanca, Caterina Murino, Philippe Leroy, Antonio Careddu, Guenda Goria, Massimiliano Buzzanca ed Eleonora Vallone.

 

La sesta giornata, giovedì 12 maggio, sarà caratterizzata da un unico spettacolo alle 20.30 al Teatro della Tosse: “Peli“. Prodotto da Quattroquinte e diretto da Veronica Cruciani, parla di due donne che giocano a Burraco, l’una di fronte all’altra. Una è vedova, ha perso il suo uomo, il suo amore; l’altra è vedova pur non essendolo. Il passato e il presente gettano le due donne in un continuo scambio di potere. Domina una e l’altra soccombe, poi viceversa. Le carte seguono, bilanciano ed enfatizzano gli attriti. Lentamente il dialogo si sposta nella dimensione dell’istinto, per uno spettacolo oltre i generi, così come dimostra il fatto che sul palco le due donne saranno interpretate da due uomini.

 

Venerdì 12 maggio alle 20.30 la Tosse porterà in scena “Delirio di una trans populista“, prodotto da Teatri di Vita e con la regia di Andrea Adriatico. Lo spettacolo, che debuttò nel 2003 al festival internazionale Gender Bender di Bologna, è il delirante comizio di addio di un populista alle folle sue seguaci. Il discorso, realizzato attraverso le parole del leader austriaco Jörg Haider riprese da Elfriede Jelinek, parte dalle idee di purezza della nazione e di assimilazione degli individui in una massa compatta. In questa versione dell’opera, il regista ha scelto di far interpretare il leader a una transessuale, Eva Robin’s, che arringa folle di fanciulle barbute durante le loro esercitazioni ginnico-militari. “Vota Trans” diventa così il nuovo slogan di una visione della ribalta politica.

 

Sabato 13 maggio sarà la penultima data per la serie di eventi di quest’anno. Alle 17.30 al Teatro della Tosse un dialogo dal titolo “T racconto: percorsi di transizione Ftm e Mtf”. «L’incontro sarà uno dei momenti fondamentali per noi. Ci saranno persone transessuali che racconteranno le loro esperienze e la loro vita, in un momento di condivisione e di riflessione con tutti», ha detto Domenico Lazzaro, direttore artistico del Life festival. All’appuntamento interverranno Stefania Cartasegna, presidente dell’associazione LGBTQI “Tessere Le Identità” di Alessandria, lo youtuber Richard Thunder, l’attivista LGBT Christian CristalliRossella Bianchi dell’Associazione Princesa e Laura Liggieri di GenovaGaya.

Alle 20.30 seguirà “Variabili umane“, spettacolo con la regia di Marcela Serli prodotto da Atopos Compagnia Teatrale basato su un’esperienza laboratoriale in cui è stata indagata l’identità dei partecipanti.

 

Lo stesso giorno, alle 17.00 al Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti un “Concerto per violoncello quasi solo #musicforlife”. L’evento si svilupperà attraverso musica classica e letture con Giovanni Ricciardi e Claudio Pozzani, attraverso brani estratti da Bach, Sollima, Scelsi e Pritchard. che si snoderà insieme e in alternanza a testi a tema recitati da Claudio Pozzani.

 

Il festival si chiuderà domenica 14 maggio con gli ultimi quattro eventi:
alle 11.00 al Teatro della Tosse un incontro con la compagnia teatrale Atopos che racconterà l’esperienza di laboratorio di “Variabili Umane”;
– alle 16.00, sempre alla Tosse, si terrà il terzo laboratorio per bambini con la lettura del libro “Ettore l’uomo straordinariamente forte” di Magali Le Huche (ed. Settenove).
alle 17.45 ai Giardini Luzzati avrà luogo “Transito“, insieme di letture drammatizzate che raccontano del cammino di un uomo verso la realizzazione del proprio sogno. L’appuntamento è realizzato in collaborazione con La Stanza della Poesia di Palazzo Ducale.
alle 21.15, a chiudere il Life festival sarà il Teatro Altrove con la proiezione del film “Varichina – La vera storia della finta vita di Lorenzo De Santis“, documentario del 2016 diretto da Mariangela Barbanente e Antonio Palumbo. La vicenda narra la storia del primo omosessuale dichiarato, vissuto a Bari nel quartiere Libertà.

 

Il festival è organizzato da Arcigay Approdo Lilia Mulas e Teatro della Tosse in collaborazione con Teatro dell’Archivolto, Altrove – Teatro della Maddalena, Circuito Cinema Genova, Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti, Stanza della Poesia; e ha il patrocinio di Comune di Genova e Città Metropolitana di Genova.
Inoltre Life festival ha la collaborazione di tante altre realtà e associazioni: A.C.C.O. – Associazione Culturale Cogoleto Otto, Agedo Genova, Apertamente – Arcigay Savona, Arcigay Imperia – M.I.A. – Movimento Imperiese Arcobaleno, Arcigay Torino Ottavio Mai, Arci Genova, Arci Liguria, Associazione Princesa, Comunità di San Benedetto al Porto, Federazione dei Giovani Democratici di Genova, festival Suq e Compagnia, FtM Italia, GenovaGaya, Left Lab Genova, Pandango, Radio 100passi Community Genova, Tessere Le Identità (Alessandria), UIL Diritti, Unconventional Band. Invece gli sponsor della manifestazione sono Il Masetto Hamburgeria Nazionale, Coop Liguria, No Mas Vello (Genova Foce) e The Hostel.

 

 

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito salvo le proiezioni cinematografiche, gli spettacoli teatrali e il concerto “Let do the Timewarp Again”.

 

Di seguito gli eventi a pagamento con il prezzo dei biglietti:
Teatro della Tosse
MDLSX, sala Trionfo
PELI, sala Campana
DELIRIO DI UNA TRANS POPULISTA, sala Trionfo
VARIABILI UMANE, sala Trionfo
Euro 14 intero, Euro 12 ridotto ARCI GAY

 

Cinema Sivori
STONEWALL
RARA
Euro 5 intero, Euro 4 ridotto ARCI GAY

 

Claque in Agorà
LET DO THE TIMEWARP AGAIN
Euro 12 intero, Euro 10 ridotto ARCI GAY

 

Altrove Cinema Teatro
GAYBY BABY
CHI SALVERA’ LE ROSE
VARICHINA
(Euro 5 intero, Euro 4 ridotto ARCI GAY)

 

 

 

Gabriele Altea

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Chiara Tasso e Chiara Gaddi. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

2 Commenti

  1. Pingback: “Peli”: il genere non conta al Teatro della Tosse | Goa Magazine

  2. Pingback: Al Teatro della Tosse “Delirio di una trans populista” | Goa Magazine

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento