ACQUASOLA, IN ARRIVO I NUOVI POSTEGGI PER MOTO E SCOOTER

Di il settembre 13, 2017

Parte la prima fase del progetto firmato da Tursi per combattere la “sosta selvaggia”.

 

Saranno 158 i nuovi posti gratuiti riservati alle moto e agli scooter in centro città disponibili già dalla fine di questa settimana. Gli stalli saranno posizionati all’esterno dei giardini dell’Acquasola, prima dell’incrocio con via XII ottobre, in uno spazio attualmente chiuso da tognolini. Nella medesima area sono previsti anche 4 posti per bus turistici, uno dei quali riservato al City Sightseeing Tour.

 

L’intervento consiste in una prima fase di un progetto più ampio fortemente voluto dal vicesindaco e assessore alla mobilità Stefano Balleari, dall’assessore al Turismo e Commercio Paola Bordilli, l’assessore alla Cultura Elisa Serafini e il presidente del Municipio Centro Est Andrea Carratù. Oltre alla zona dell’Acquasola, in futuro, verranno individuate altre aree in diversi punti della città per la creazione di altri 340 posti, per un totale di 500 nuovi stalli riservati alle moto e agli scooter.

 

«Ogni area avrà una valenza diversa – spiega il vicesindaco Balleari- l’Acquasola è un punto nevralgico della città, posto a pochi passi dalle vie dello shopping ma anche a metà strada tra il Museo Chiossone e il Museo di Villa Croce. I nuovi parcheggi assumono quindi sia una valenza commerciale che turistica».

 

«Genova – continua Balleari – è una delle città italiane con maggiore utilizzo di moto, motocicli e scooter e dove, dunque, c’è necessità di posteggi, soprattutto nelle aree centrali della città. Questi nuovi stalli sono soltanto l’inizio di una politica che vuole riorganizzare la sosta nel centro cittadino creando parcheggi “regolari”. Solo così si può concorrere a inibire la “sosta selvaggia” e permettere a cittadini e turisti di riappropriarsi di porzioni della città».

 

IL PROGETTO:

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Chiara Tasso e Chiara Gaddi. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento