LA MUSICA D’AUTRICE TUTTA AL FEMMINILE TORNA PROTAGONISTA AL “LILITH FESTIVAL”

Di il 6 Giugno 2024

Il via dal 4 al 6 luglio a Villa Durazzo-Bombrini, a Cornigliano, dopo l’anteprima del 22 giugno nel nuovo Teatro del Chiostro di Sant’Andrea. Il 30 giugno concerto-evento “Mauro Pagani. 2024 Creûza de Mä”

GENOVA – Conto alla rovescia per la tredicesima edizione del Lilith Festival della Musica d’Autrice, che torna per il terzo anno consecutivo nella splendida cornice di Villa Durazzo-Bombrini a Genova Cornigliano.

Dopo un’anteprima il 22 giugno al nuovo Teatro del Chiostro di Sant’Andrea, in collaborazione con Incadenza, la manifestazione entrerà nel vivo a partire dal 30 giugno per quattro serate organizzate in collaborazione con Società per Cornigliano.

Il primo, imperdibile appuntamento a Villa Durazzo-Bombrini è quello con il concerto evento “Mauro Pagani. 2024 Creûza de Mä”, previsto per domenica 30 giugno, che celebra i primi quarant’anni di uno dei dischi più importanti della musica italiana: il lavoro in dialetto genovese realizzato da Fabrizio De André, autore dei testi e interprete, e Mauro Pagani, ideatore, arrangiatore ed esecutore delle musiche. L’album, pubblicato nel 1984, è stato votato dalla critica Miglior disco italiano degli anni ‘80 e segnalato da David Byrne tra i dieci dischi più importanti del decennio in tutto il mondo e detiene la posizione numero 4 nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo la rivista Rolling Stone Italia.

In occasione del quarantesimo anniversario dalla pubblicazione, Mauro Pagani ha deciso di salpare per una nuova avventura, accompagnato da un equipaggio di sei musicisti e da una corista e un corista per riproporre le avvolgenti sonorità senza tempo e senza spazio narrate in “Crêuza de Mä”. A coronare questo viaggio musicale non mancheranno i brani del suo repertorio, frutto di oltre cinquant’anni di carriera, iniziata nel 1970 con la fondazione della Premiata Forneria Marconi e proseguita senza soluzione di continuità in un fittissimo percorso fatto di lavori solisti, di produzioni e arrangiamento per i lavori di tante personalità della musica leggera italiana – per citarne alcune, oltre a De André, ha collaborato con Roberto Vecchioni, Gianna Nannini, Massimo Ranieri, Ornella Vanoni, Arisa, Chiara Galiazzo, Nina Zilli, Bluvertigo, Almamegretta -, della stesura di numerose colonne sonore, della direzione artistica di manifestazioni importanti come Sanremo e Il Primo Maggio e approdato di recente anche alla scrittura di apprezzati romanzi e libri di memorie.

L’apertura sarà affidata alla genovese Cristina Nico in trio cordofono con Roberto Zanisi e Stefano Bolchi.

L’evento vede la collaborazione di Viadelcampo29Rosso, presso cui sarà possibile acquistare i biglietti della serata, disponibili comunque anche su www.dice.fm.

Si prosegue il 4-5-6 luglio con tre serate pronte a tener fede al primo proposito del Lilith Festival: dare spazio alla migliore musica e canzone d’autrice.
Giovedì 4 luglio vedrà come headliner Emma Nolde, la cantautrice toscana che poco più che ventenne, con i due dischi “Toccaterra” (2020) e “Dormi” (2022), si è imposta come una delle voci più interessanti della musica italiana. L’ultimo in particolare, co-prodotto con Francesco Motta, ha colpito per il coraggio di mettersi a nudo e la freschezza di un linguaggio che è quello di chi è nato dopo il 2000 ma non si rifugia nelle formule preconfezionate di certo mainstream contemporaneo. Esce in questi giorni il nuovo singolo “Mai fermi”, che accompagna il lancio dello speciale tour “Solo Non Sola”. Nella stessa serata, si esibiranno la cantautrice Irene Buselli che con il suo primo disco “Io,io,io” sta ricevendo grande attenzione e ha già raccolto grandi riconoscimenti tra cui il Premio Bindi 2023, e Il Gentiluomo, nostranaband alt-pop, tutta al femminile a dispetto del nome.

Venerdì 5 luglio spazio alla pesarese Maria Antonietta, al secolo Letizia Cesarini, atipica protagonista dell’indie-pop nostrano, capace di passare dalla musica alla scrittura di libri di poesia alla conduzione di programmi culturali di Storia dell’Arte, disciplina in cui è laureata. Maria Antonietta ha dato alle stampe nel 2023 il suo quinto disco “La tigre assenza”, salutato come “un disco di squisito pop che ci restituisce, dopo un lustro, una delle artiste più interessanti e originali del panorama nazionale”, senza rinunciare alle sferzate agrodolci della sua particolare scrittura. La stessa sera suoneranno Sabrina Napoleone per presentare in trio con Alice Nappi e Francesco Ciapica il suo ultimo lavoro “Cristalli Sognanti” che la sta confermando una delle cantautrici più originali e iconoclaste della sua generazione, e la torinese Ella Nadì, che ha dato alle stampe alla fine del 2023 il nuovo disco “Nel bene e nel mare”, di cui ha curato interamente anche suoni e produzione.

La chiusura della terza serata, prevista per sabato 6 luglio, è affidata alla pugliese Maria Mazzotta, cantautrice e interprete che ha militato dal 2000 al 2015 nel Canzoniere Grecanico Salentino e dal 2020 si sta distinguendo per ottime produzioni soliste, le cui radici restano nella grande tradizione della musica popolare ma con innesti e suggestioni originali. Nell’ultimo lavoro “Onde” l’interpretazione viscerale di Maria Mazzotta incontra le sonorità elettriche del post rock creando un connubio originale e profondo, grazie alla chitarra elettrica e alla ricerca effettistica di Ernesto Nobili e alle percussioni customizzate di Cristiano Della Monica. Il disco, appena uscito a maggio 2024, anticipato dallo struggente singolo “La Furtuna”, è entrato nella Top3 della World Music Charts Europe e Transglobal World Music Chart. Si esibiranno nella terza serata anche i Rebis, duo genovese formato dalla cantautrice Alessandra Ravizza e dal chitarrista Andrea Megliola che da anni si muove tra le lingue, le melodie e i paesi che si affacciano sulle rive del Mediterraneo alla ricerca di possibili “ponti emotivi” tra le sponde del Mare Nostrum. Con loro sul palco ci sarà il polistrumentista Edmondo Romano. Aprirà la serata il duo Cadira, formato dalla italo-catalana Eugenia Amisano e dal chitarrista Paolo Traverso.

Vogliamo dare al pubblico uno spaccato della varietà e della maturità che sempre di più si incontra nelle artiste che si approcciano alla composizione e alla scrittura della propria musica, con nuove consapevolezze che vivificano la canzone d’autorə attraverso linguaggi diversi che vanno dal pop, al rock, alla world music”, dicono le direttrici artistiche Sabrina Napoleone e Cristina Nico.

La conduzione delle serate a Villa Bombrini è affidata a Lisa Galantini e ad Andrea Podestà. In loco ci saranno aree ristoro, area gioco per lɜ più piccolɜ e stand di artigianato. Le illustrazioni e il visual concept sono stati curati da Priscilla Jamone dell’associazione Pepita Ramone.

Saranno parte del programma del Lilith Festival 2024 anche numerosi eventi di musica, teatro ed approfondimento musicale che andranno in scena da giugno a settembre presso il nuovo Teatro del Chiostro di Sant’Andrea: “Mermaids” sarà il sottotitolo per i concerti di musica rock e d’autorə che si avvicenderanno nella suggestiva cornice del colonnato dietro la casa di Colombo a Genova, mentre “ChiostrOne” è il nome della rassegna a cura dell’attrice e regista Cristina Cavalli che vede la proposta del Lilith Festival allargarsi quest’anno anche al teatro.

A questi si aggiungeranno spettacoli, presentazioni ed eventi in collaborazione con il Sestiere del Molo, Solidarietà e lavoro e tante altre realtà genovesi.

Dopo l’inaugurazione di giovedì 30 maggiocon il release party “Mermaids Reload!” in cui si sono esibitɜ tantɜ artistɜ della scena genovese, si prosegue giovedì 13 giugno con lo spettacolo “Anzian Prodige” di e con Luisa Merloni, il primo della rassegna teatrale “Chiostrone”.

Sabato 22 giugno si terrà l’anteprima del Lilith Festival in collaborazione con Incadenza, con il concerto di A Band Called “E”, formazione guidata dall’artista di culto nella scena noise/avantgarde, la statunitense Thalia Zedek (Come, Live Skull): “bravissimi” e “consigliatissimi per chi si sente orfano dei Sonic Youth”, recita una recentissima recensione su Blow Up. Apertura affidata ai Rice On The Record.


Giovedì 27 giugno sarà una serata dedicata alla riscoperta del Battisti “Bianco”, con “Battisti, l’altro. L’artista non ero più io”, presentazione/concerto dell’omonimo libro+cd con l’autore Andrea Podestà e i musicisti Gabriele Graziani e Marco Sabiu.

Il programma è in continuo aggiornamento: per non perdere i nuovi annunci si invita a seguire gli eventi sul sito e sulle pagine di Lilith Associazione Culturale e del Teatro del Chiostro.

I biglietti degli eventi a pagamento sono disponibili in prevendita sulla piattaforma dice.fm.

*****

PROGRAMMA EVENTI LILITH 2024 (in aggiornamento):

Giovedì 13 giugno – Chiostro di S.Andrea. “Anzian Prodige” di e con Luisa Merloni. Rassegna teatrale “ChiostrOne” a cura di Cristina Cavalli. In collaborazione con Sestiere del Molo, Solidarietà e Lavoro, Casa di Colombo. Inizio spettacolo h.20.

Sabato 22 giugno – Chiostro di S.Andrea. Anteprima Lilith Festival – A Band called “E”+Rice On The Record. In collaborazione con Incadenza, Sestiere del Molo, Solidarietà e Lavoro, Casa di Colombo. Inizio concerti h.19.30.

Giovedì 27 giugno – Chiostro di S.Andrea. “Battisti, l’altro. L’artista non ero più io”, presentazione/concerto del libro+cd con l’autore Andrea Podestà e i musicisti Gabriele Graziani e Marco Sabiu. Una serata dedicata alla (ri)scoperta del Battisti “Bianco”.

Domenica 30 giugno – Villa Durazzo-Bombrini. Lilith Festival presenta “Mauro Pagani. 2024 Creûza de Mä”. Apertura di Cristina Nico. In collaborazione con Società per Cornigliano. Inizio concerti h.20.30. In collaborazione con Sestiere del Molo, Solidarietà e Lavoro, Casa di Colombo.

Da giovedì 4 a sabato 6 luglio – Villa Durazzo-Bombrini: Lilith Festival della Musica d’Autrice. In collaborazione con Società per Cornigliano.
4 luglio: Emma Nolde+Irene Buselli+Il Gentiluomo

5 luglio: Maria Antonietta+Sabrina Napoleone+Ella Nadì.

6 luglio: Maria Mazzotta+Rebis+Cadira

Inizio concerti h.20.30.

www.lilithassociazioneculturale.it

lilithfestival@gmail.com

www.teatrodelchiostro.it

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento