“Incorporea”: prende vita la nuova rassegna di Corto Circuito sul corpo e lo spirito

Di il 15 Maggio 2024

GENOVA – “Incorporea” è la nuova rassegna curata dai ragazzi di Corto Circuito, in programma al cinema America (via Colombo 11) dal 16 maggio al 6 giugno 2024. Si compone di quattro film, proposti in lingua originale con i sottotitoli in italiano sempre di giovedì alle ore 21: “Enter the Void” di Gaspar Noé (16 maggio), “Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti” di Apichatpong Weerasethakul (23 maggio), “Holy Motors” di Leos Carax (30 maggio) e “Corpo e anima” di Ildikó Enyedi (6 giugno).

La rassegna è stata ideata, curata e organizzata da Corto Circuito, con il supporto di Circuito. I componenti del gruppo, appassionati di cinema, come di consueto prima della proiezione presentano le opere al pubblico spiegando il motivo della loro scelta. Un’attività che ha già portato alla realizzazione di altre quattro rassegne monografiche e alla collaborazione con la Fondazione Palazzo Ducale per la “Storia in piazza al cinema”.

“Incorporea”si interroga sui confini tra corpo e spirito, per sondare le possibilità espressive del linguaggio cinematografico con le risposte creative sviluppate da quattro registi. Gaspar Noé in “Enter the Void” (2009) immagina il ventenne Oscar e la sorella minore Linda appena arrivati a Tokyo. Lui spaccia, lei fa la spogliarellista. Una notte Oscar viene fermato dalla polizia e muore nello scontro, ma la sua vita sembra non essere davvero conclusa. Con Nathaniel Brown, Cyril Roy, Olly Alexander.

Apichatpong Weerasethakul nel film “Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti” (2010), racconta la storia di un uomo condannato da una malattia ai reni, che incontra i fantasmi dei suoi scari scomparsi e vede le sue precedenti incarnazioni. Con Thanapat Saisaymar, Jenjira Pongpas, Sakda Kaewbuedee.

Leos Carax dirige “Holy Motors” (2012) per descrivere una giornata di Monsieur Oscar, un uomo che viaggia nel tempo assumendo diverse identità. Ad ogni appuntamento arriva scortato da una Limousine bianca. Con Denis Lavant, Edith Scob, Eva Mendes.

Ildikó Enyedi in “Corpo e anima (2017) ambienta in un macello di Budapest l’incontro tra Maria, appena assunta al controllo qualità, ed Endre, il direttore commerciale. I due scoprono di essere legati da una parentela spirituale che si manifesta mentre dormono, nei loro sogni notturni. Con Alexandra Borbély. Géza Morcsányi, Ervin Nagy.

Il prezzo per un biglietto intero è di 8.50 euro. Sottoscrivendo un abbonamento al Circuito con “Card Campus” per gli under 29, il prezzo è di 4 euro a serata.

CS.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento