“FINALMENTE”, L’URLO LIBERATORIO DEI CARTABIANCA

Di il 17 Gennaio 2018

Venerdì alla Claque del Teatro della Tosse il live di presentazione di “Finalmente”, album d’esordio dei Cartabianca

 

Di Giulio Oglietti

 

GENOVA – Fausto e Francesco sono due fratelli genovesi, con la musica nel sangue e la voglia di sperimentare le più disparate forme di comunicazione. Nel 2010 formano i Cartabianca e, dopo aver pubblicato due libri musicali (un riadattamento per ragazzi dell’Inferno di Dante e “Girotondo Mondomare” in collaborazione con l’Acquario di Genova) e aver passato anni «a scartare, cercare, trovare, perdere e ricominciare», iniziano a lavorare al loro primo album “fisico”.

 

Per raccogliere i fondi necessari si rivolgono direttamente al pubblico, attraverso la piattaforma Musicraiser, e in poco tempo è un successo: raccolgono quasi seimila euro sui duemilacinquecento richiesti. È il «raggiungimento di un sogno»: per tutta l’estate i fratelli Ciapica (Fausto voce e chitarra elettrica, Francesco voce e chitarra acustica), con Pietro Pesce (batteria), Simone Cosso (basso) e Fabio Smeraldo (tastiere, violino, cori) registrano “Finalmente”, che sarà presentato ufficialmente venerdì 19 gennaio (ore 21.07) alla Claque del Teatro della Tosse.

 

Vi definite «due fratelli con una forte devozione per la musica da quando eravamo piccini e sbarbatelly». Su YouTube suonate pure con vostro padre. Quanto aiuta crescere in una famiglia di musicisti?

«Nostro padre Silvio è un musicista vecchia scuola: componeva allenando l’orecchio, una cosa che non fa più nessuno, ma noi sì. Abbiamo preso il suo come termine di paragone, ma apparteniamo a una generazione di passaggio: tra la vecchia e la nuova scuola. È così il nostro disco, “ibrido”».

 

Venerdì esce “Finalmente”, vostro disco d’esordio. Cosa dobbiamo aspettarci da questo «disco duro»?

Il logo dei cartabianca

«Un calcio e una carezza. Poi un altro calcio. Finalmente è “duro” perché è un urlo liberatorio nel caos della scena musicale genovese, tra fiabe storte, dediche d’amore a senzatetto e “cinismi da spiaggia”. Niente sedicesimi, le tastiere sono solo di supporto: come tutti gli strumenti per noi. C’è dentro davvero buona parte di quel tutto che vorremmo esplorare nel tempo, per rendere giustizia al nostro nome».

 

Lo presenterete alla Claque. Avete altre date in programma?

«Mai abbastanza. Sai, noi passeremmo volentieri “tutta la vita” (cit.) a suonare. A ogni buon modo verranno rese pubbliche a giorni, basta seguire la pagina Facebook Cartabianca: si scrive tutto attaccato e non siamo la Berlinguer».

 


FINALMENTE

Finalmente – Cartabianca Release Partyl'attesa è finita, gente.il link qui sopra vi rimanderà FINALMENTE al magico evento di presentazione di questo famigerato disco. cosa vuol dire?vuol dire che tra un mese esatto ci ritroveremo tutti insieme alLaClaque con il preciso obiettivo di farla esplodere….di gioia. come dei simpatici terroristi tenerelli!vuol dire che chi ci ha sostenuto su Musicraiser riceverà il tanto agognato ciddìsco e/o la tanto agognata maglietta…tutti gli altri la potranno direttamente acquistare sul posto.apriranno le danze i gemelli maleficy Puerto Plata Market, compagni di scuderia di Fabbrica Musicale.non ci credete? guardate chi, oltre agli amici di G e n o w a ha deciso di sponsorizzarci qua sotto.dopodiché condividerlo e invitare tutti gli amici dell'universo all'evento vi sembrerà una cosa estremamente naturale.#finalmente#duro#cartabianca

Publié par Cartabianca sur mardi 19 décembre 2017

Il video di presentazione per il release di “Finalmente”


Avete finanziato tutto attraverso Musicraiser, ottenendo un gran successo: ve lo aspettavate? Continuerete a rompere monitor e bruciare C-3PO?

«Non ci aspettavamo nulla di simile, tant’è vero che avevamo chiesto molto meno come obiettivo. Ma dato il grande successo abbiamo potuto investire molto di più sul prodotto: sarà una figata. Comunque, a dire il vero abbiamo bruciato C1P8…o R2D2, che dir si voglia».

 

Quest’estate avete aperto, al Goa Boa, Tonino Carotone e i Dubioza kolektiv. Com’è andata?

«Io in autobus, e lei? Scherzi a parte, anche l’anno prima ci avevamo suonato, aprendo alla Bandabardò. Ma quest’estate abbiamo suonato meglio. Eravamo più calmi e avevamo pezzi migliori. Quelli che sentirete venerdì alla Claque: apriranno la serata i Puerto Plata Market (anche loro tra le schiere dell’Unione Giovani Artisti, e di Fabbrica Musicale) e si comincia alle 21.07 in punto».

 


Per ulteriori informazioni:

Pagina Facebook Cartabianca

Evento Facebook

Sito Web Teatro della Tosse

Su Giulio Oglietti

Cresciuto tra la nebbia e le risaie del Monferrato, è a Genova dal 2013. Laureato in Informazione ed editoria, collabora con GOA da luglio 2017. Metodico e curioso, è determinato a diventare giornalista. ogliettig@libero.it

Devi essere loggato per postare un commento Accedi

Lascia un commento