I Trilli tornano a teatro con un omaggio a Genova e De Andrè

Di il Gennaio 8, 2019
Ancylav

GENOVA – La storia genovese dei Trilli torna a teatro con uno spettacolo rinnovato e un particolare omaggio a Fabrizio De Andrè.

Dopo il fortunato debutto dell’anno scorso, venerdì 11 gennaio al Teatro Rina e Gilberto Govi di Bolzaneto andrà in scena lo spettacolo “I Trilli: una storia genovese” per la regia di Lazzaro Calcagno, la prima delle tre date teatrali che vedranno protagonisti in giro per tutta la Liguria Il gruppo folk dialettale de i Trilli.

“I Trilli: una storia genovese”

L’opera è scritta da Vladimiro Zullo e Lazzaro Calcagno e portata in scena da Vladimiro Zullo (voce e racconti), Davide De Muro e Alessandro De Muro (chitarra e voce), Fabrizio Salvini (percussioni, fiati e voce).

Il narratore di questa storia genovese è Vladimiro Zullo, figlio di Giuseppe Zullo in arte Pippo. Vladi porta sul palco i suoi ricordi e le sue emozioni di figlio, partendo da un fatto che ha segnato indelebilmente la sua storia e quella della sua famiglia, l’affondamento del Club-Ristorante “Il Peschereccio di Pippo dei Trilli”, avvenuto qualche mese dopo la sua prematura scomparsa.

Aneddoti sulla nascita dello storico duo, il rapporto tra un padre e un figlio, ricordi trascinati per sempre in fondo al mare ma che restano nel cuore di chi ama, sfidando ogni legge spazio/temporale, spaccati di una Genova che sembra non esistere più, profumi assopiti ma che riaffiorano da un caruggio.

Quest’anno lo spettacolo si arricchirà anche di una parte dedicata a Fabrizio De Andrè con alcuni omaggi musicali e racconti inediti che legano Vladi e suo padre a Faber.

Madrina della serata, la voce femminile per eccellenza, Franca Lai.

Per info e prenotazioni

010 7404707
biglietteria@teatrogovi.it”

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento