“UNA BESTIA SULLA LUNA”, LA FUGA DI ARAM DALL’ARMENIA SBARCA AL MODENA

Di il ottobre 16, 2018
Favretto

La pluripremiata pièce di Richard Kalinoski sul genocidio armeno ha come protagonista Elisabetta Pozzi

 

GENOVA – Martedì 23 ottobre alle 20.30 al Teatro Modena va in scena “Una bestia sulla luna” di Richard Kalinoski, testo vincitore di ben cinque premi Molière in Francia, con protagonista Elisabetta Pozzi insieme a Fulvio Pepe, Alberto Mancioppi, Luigi Bignone per la regia di Andrea Chiodi. La scena è di Matteo Patrucco, le luci e i video sono di Cesare Agoni, i costumi di Ilaria Ariemme, le musiche di Daniele D’Angelo. La versione italiana è di Beppe Chierici.

 

Milwaukee, 1921. Aram è fuggito dal genocidio del popolo Armeno in cui è stata assassinata tutta la sua famiglia. Raggiunti gli Stati Uniti, decide di sposarsi per procura, scegliendo la compagna per corrispondenza, attraverso una fotografia. La loro unione dà vita ad una storia d’amore complicata, continuamente in bilico tra conflitti e silenzi, tradizione e voglia di cambiamento, dolore del passato e speranze per il futuro. Il desiderio di ricostruirsi una vita e la necessità altrettanto forte di non smarrire le proprie radici, convivono nella storia di questa singolare coppia, raccontata dal loro unico figlio adottivo. E attraverso il racconto intimo e toccante di questa anomala “famiglia americana”, viene riletta una delle pagine più oscure e forse trascurate del secolo scorso, quella del genocidio armeno.

 

“Una bestia sulla luna” è la pièce più famosa dell’americano Richard Kalinoski: tradotta in venti lingue è stata acclamata su tutti i palcoscenici d’Europa, ha vinto cinque premi Molière in Francia e altri prestigiosi riconoscimenti. Lo spettacolo è in scena al Teatro Modena dal 23 al 26 ottobre, dal martedì al venerdì alle ore 20.30, giovedì ore 19.30.

 

(C.S.)

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento