Teatro del Ponente: venerdì in scena “Vivo in una giungla, dormo sulle spine”

Di il novembre 22, 2017

GENOVA – Dopo il successo del 15 novembre al Teatro Duse, “Vivo in una giungla, dormo sulle spine” arriva venerdì 24 novembre al Teatro del Ponente. Lo spettacolo, scritto da Laura Sicignano, è interpretato da Amanda Sandrelli, da Luchino Giordana e Alessio Zurla. Le scena e i costumi sono di Stefano Battaglia, le luci di Andrea Narese, i video e i suono di Luca Serra.

 

I protagonisti sono due: Sher, arrivato in Italia dopo una pericolosa fuga dal suo paese e Viviana, l’avvocatessa che diventa sua tutrice. Sher le racconta la sua fuga attraverso Pakistan, Iran, Turchia e Grecia, con un’organizzazione di trafficanti, senza svelare il motivo per cui è scappato. La relazione fra i due, inizialmente molto conflittuale, sembra trasformarsi gradualmente in una tenera amicizia. Quanto l’affetto del ragazzo è sincero e quanto è interessato? Perché Viviana arriva ad accoglierlo in casa, rischiando di compromettere la propria immagine e la propria relazione sentimentale? Chi sta manipolando chi? L’arrivo dello “straniero” scardina il fragile equilibrio della vita di Viviana, mette in discussione le sue certezze e fa emergere ipocrisie che finora la donna non ha voluto vedere.

 

«“Vivo in una Giungla, dormo sulle spine” è un verso di un poema popolare pakistano. Il testo – rivela Laura Sicignano – è basato sulle storie vere che un giovane rifugiato pakistano mi ha raccontato. Storie di fughe, di viaggi notturni, di kalashnikov, di abbandoni, di bambini costretti ad imparare troppe cose, troppo presto. La relazione tra i personaggi è un incontro tra solitudini, dove la verità emerge solo a frammenti. Il dialogo tra culture così diverse è impossibile? Affrontare la diversità fa paura, ma è inevitabile e rappresenta la difficile prova per comprendere davvero noi stessi».

 

(C.S.)

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Chiara Tasso e Chiara Gaddi. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento