Oxana Schevchenko inaugura i “Notturni en plein air” della GOG

Di il Luglio 13, 2018
Palazzo Ducale

 

GENOVA – Al via questa sera, alle ore 22.00, la nuova edizione della rassegna pianistica GOG “Notturni en plein air“: nella suggestiva cornice del Cortile Maggiore di Palazzo Ducale, cinque pianisti si alterneranno per cinque serate, dal 19 luglio al 15 agosto, all’insegna del racconto, in musica, del tema della notte.

 

Interprete di questa sera la pianista Oxana Schevchenko, che eseguirà di Reynaldo Hahn, da “Le rossignol éperdu”: “Frontispice”, “Andromède résignée”, “Rêverie nocturne sur le Bosphore”, “Adieux au soir tombent”, “Effet de nuit sur la Seine”; di Fryderyk Chopin: Nocturne in re bemolle maggiore op. 27 n. 2; di Béla Bartók, da “Out of Doors”: “The Night’s music”; di Robert Schumann: Carnaval op.9.

 

La notte, carica di riferimenti emozionalmente significativi, ha sempre fornito ai compositori un ricco spunto creativo in ogni epoca.
Certamente l’ottocento è stato il momento più significativo, legato allo sviluppo delle potenzialità sonore del pianoforte, strumento ormai dotato di differenziazioni timbriche e dinamiche fino ad allora sconosciute, o non sufficientemente aperte all’espressione musicale. Sono così nate le meravigliose pagine di John Field dapprima, di Chopin e di molti altri autori ispirate alla notte, ed è nata la forma del Notturno, nella sua semplice alternanza di lirismo e lieve rapidità angosciante.
I cinque programmi di questa serie di concerti nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale propongono, oltre a celebri Notturni di Chopin, alcuni brani composti nel Novecento a testimonianza dell’attualità del pensiero artistico e del rapporto tra musica e letteratura radicalmente legato a questo stile compositivo.

 

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

 


 

 

c.s.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento