ORIENTAMENTI, IL SALONE DIVENTA VILLAGGIO

Di il novembre 6, 2018
facebook.com/saloneorientamenti

Attesi diversi testimonial, dal ministro dell’Istruzione Bussetti al rapper genovese Tedua

 

GENOVA – Si aprono le porte delle ventitreesima edizione del Salone Orientamenti, in scena dal 13 al 15 novembre al Porto Antico. Un appuntamento chiave per il futuro accademico o professionale dei ragazzi, grazie a tre giorni di incontri, workshop, masterclass, tavole rotonde che, per la prima volta, andranno oltre ai Magazzini del Cotone, toccando diversi punti del Porto Antico di Genova.

 

Tedua

Un salone «che si trasforma in villaggio – racconta Ilaria Cavo, assessore alle Politiche giovanili, Scuola, Università e Formazione, Sport, Cultura e Spettacolo, Pari opportunità – e che si allarga a tutto il Porto Antico, con ogni luogo a raccontare le professioni che lo ispirano». I Magazzini del Cotone rimangono il “quartier generale”, mentre al Galata Museo del Mare si approfondiscono le professioni legate al mare, all’Acquario quelle biomarine, a Eataly quelle turistiche e della ristorazione, in piazza delle Feste quelle sportive, mentre a Palazzo San Giorgio quelle portuali. Ma non finisce qui: ai Magazzini dell’abbondanza si parla di ambiente e sviluppo sostenibile, alla De Amicis di arte e spettacolo, in Capitaneria di Porto di modalità di imbarco, mentre il viale interno dei Magazzini del Cotone si trasforma nel viale delle professioni legate alla sicurezza. Le diverse località saranno inoltre collegate dalle “sette vie delle professioni”, ognuna di un colore differente.

 

Per ognuno di questi ambiti, sono attesi diversi “capitani coraggiosi”, testimonial di spicco scelti per ispirare le nuove generazioni. Si va dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti al rapper genovese Tedua (in foto), dal campione olimpico Massimiliano Rosolino a Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, passando tra gli altri da Neil PalombaOscar Farinetti, Benedetta Dragoni, Morgan e Gabriele Lavia, attore e sceneggiatore al momento in scena con “John Gabriel Borkman” al Teatro Nazionale di Genova (QUI la nostra intervista). Un salone sempre più villaggio, che accoglie oltre 300 espositori e presenta 238 mestieri con più di 100 convegni e workshop. «La formazione è senza alcun dubbio – aggiunge il Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – il motore per creare lavoro e il Salone Orientamenti, migliorando di anno in anno è riuscito a diventare un punto di riferimento non solo ligure, ma nazionale». Altra grande novità è la partecipazione di Coni Liguria, che dedica un’area intera (piazza delle Feste) alle professioni e ai testimonial del mondo dello sport. «Per il nostro primo anno – aggiunge Antonio Micillo, presidente di Coni Liguria – vogliamo portare un messaggio ai giovani: che si può scegliere lo sport come lavoro, cercando di avvicinarli a questo mondo anche in questa prospettiva».

 

Per il programma completo del Salone Orientamenti, clicca QUI

 

 

 

 

Su Giulio Oglietti

Cresciuto tra la nebbia e le risaie del Monferrato, è a Genova dal 2013. Laureato in Scienze Politiche e laureando in Informazione ed editoria, inizia il tirocinio a GOA a luglio 2017, dove rimane come collaboratore da novembre dello stesso anno. Metodico e curioso, è determinato a diventare giornalista.

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento