NASCE IL PAGANINI GENOVA FESTIVAL

Di il luglio 22, 2017

Non solo il Premio Internazionale di Violino. Genova celebra il grande violinista e compositore con un percorso di valorizzazione e un festival tutto dedicato. In programma concerti, esposizione di cimeli e un cocktail personalizzato.

 

 

Da città industriale a capitale della cultura e, perché no, della musica. Una scommessa, almeno sulla carta, già vinta dalla città di Genova che può vantare, tra i suoi illustri cittadini, uno dei più grandi violinisti e compositori di tutti i tempi: Niccolò Paganini. Per omaggiare la figura del celebre musicista, dal 27 al 29 ottobre arriva la prima edizione del Paganini Genova Festival: tre giorni di concerti, eventi culturali e attività collaterali che coinvolgeranno la città a 360 gradi.

«L’immagine di Paganini costituisce una grande ricchezza e può fare da traino per la nostra città– ha commentato il neo assessore alla Cultura, al Marketing territoriale e alle Politiche giovanili Elisa SerafiniPurtroppo c’è la percezione che la sua importanza sia riconosciuta più al di fuori che all’interno dei confini cittadini e nazionali. Per questo il Comune ha deciso di intraprendere una stagione di valorizzazione della figura di questo grande musicista che partirà proprio con il Paganini Genova Festival».

Organizzata dall’Associazione Amici di Paganini, la manifestazione è realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo in collaborazione con il Comune di Genova, Regione Liguria, Teatro Carlo Felice, Fondazione HrubyConservatorio Paganini.

Gli eventi si svilupperanno intorno a quattro filoni pensati per attrarre un pubblico di natura e provenienza diversa, dagli studenti agli esperti del settore. Le iniziative saranno tutte gratuite e comprenderanno nove concerti (di cui tre con la partecipazione di alcuni vincitori del Premio Paganini), esecuzioni sul “Cannone” e sul violino di Sivori, esposizioni di cimeli, conferenze, visite guidate ma anche un concorso tra barman che, dopo il Bellini e il Rossini, incoronerà l’interprete migliore del cocktail che porterà il nome del grande compositore.

«Non sarà solo un evento per gli appassionati del settore, ma una rassegna dal carattere inclusivo che mira a coinvolgere insieme alle principali istituzioni del territorio anche il tessuto commerciale della città– spiega Michele Trenti, curatore scientifico del Festival – In occasione della kermesse verrà prodotta e distribuita una linea di ventiquattro prodotti a tema con l’obiettivo di valorizzare le peculiarità del territorio in maniera diversificata e puntando alla qualità».

A completare il programma anche un calendario di eventi che introdurrà al festival già a partire dall’inizio del mese di ottobre con concerti, menù a tema tra i ristoranti “Genova Gourmet” e proiezioni di film.

«Si tratta di un programma molto ricco, studiato per valorizzare tutte le realtà culturali della città e di cui siamo molto orgogliosi di fare parte – ha commentato l’assessore regionale alla Cultura Ilaria CavoIl nostro impegno in questo percorso è iniziato già nel 2015, quando abbiamo deciso di esporre il “Cannone” a Expo Milano. Ogni evento è importante all’interno di un percorso di politiche di promozione che possano dare valore alla città».

 

 

IL PROGRAMMA NEL DETTAGLIO:

VENERDI 27 OTTOBRE

  • ore 9.00 Laboratorio Montanari
    La liuteria: tradizione e innovazione a contatto – Laboratorio per le scuole
  • ore 10.00 Palazzo Tursi
    Inaugurazione mostra paganinana – Esposizione cimeli
  • ore 11.00 Teatro Carlo Felice
    Concerto per le scuole: Anna Tifu, Andrea Battistoni, il “Cannone”, Orchestra del Teatro Carlo Felice
  • ore 11.00 Palazzo Tursi
    Annuncio ammessi alle fasi finali del Premio Paganini 2018 – Presentazione
  • ore 11.30 Palazzo Tursi
    Roberto Iovino “Il premio Paganini: documenti e ricordi” – Conferenza
  • ore 13.00 Ristorante Cavo
    Degustazione dell’”Aperitivo “Paganini” – Degustazione
  • ore 15.00 Palazzo Tursi
    Concerto: Luigi Attademo – chitarra
  • ore 16.00 Giardini Baltimora
    Presentazione della Postazione sonora “Giardini di plastica” – Presentazione
  • ore 16.30 da piazza Sarzano
    Percorso guidato “La Genova di Paganini” – Visita ai luoghi paganiniani
  • ore 17.00 Palazzo Tursi
    Fausto Cacciatori:”Paganini e la liuteria cremonese” – Conferenza
  • ore 18.00 Palazzo Tursi
    Concerto Oleksandr Puskarenko – violino
  • ore 20.30 Teatro Carlo Felice
    Concerto: Anna Tifu, Andrea Battistoni, il “Cannone” Orchestra del Teatro Carlo Felice

 

SABATO 28 OTTOBRE

  • ore 10.00 Conservatorio Paganini
    Stefano Termanini:”…circa poi al qualificarmi allievo di Paganini”- conferenza
  • ore 11.00 Conservatorio Paganini
    Concerto: Giovanni Angeleri -violino, Michele Trenti – chitarra
  • ore 16.00 Biblioteca Berio
    Maria Rosa Moretti:”L’aggiornamento del catalogo tematico di Paganini” – Relazione
  • ore 17.00 Biblioteca Berio
    Concerto-lezione del Quartetto di Cremona: Schubert “La morte e la fanciulla”

    ore 20.30 Palazzo della Meridiana
    Concerto: Natalia Prishepenko – violino, Zhoran Sargysan – pianoforte

     

    DOMENICA 29 OTTOBRE

    ore 11.00 Foyer Teatro Carlo Felice Concerto: Elisa Tomellini – pianoforte

    ore 15.00 Palazzo Tursi
    Alberto Giordano:”Paganini e il Cannone: un contatto simbiotico” – Conferenza

    ore 16.30 Palazzo Tursi
    Presentazione del progetto europeo “Paganini Road” – Presentazione

    ore 18.00 Circolo Artistico Tunnel
    Niccolò Paganini racconta Niccolò Paganini: l’omonimo discendente diretto e biografo di Paganini conversa tra aneddoti e realtà sul rapporto tra il violinista genovese e Parma – Incontro con il pubblico

    18.30 Circolo Artistico Tunnel
    Nicole Olivieri e Roberto Iovino:”Le città paganiniane in Italia e in Europa” – Conferenza con videoproiezioni

    ore 20.30 – sede da definire
    Concerto: Bin Huang – violino

 

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Chiara Tasso e Chiara Gaddi. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento