LA TRAGICA BELLEZZA DI MADAMA BUTTERFLY ALL’ARENA DEL MARE

Di il Luglio 20, 2018
YouTube

In scena il 26 e 28 luglio alle ore 21.15 la commovente opera di Giacomo Puccini, primo appuntamento del progetto “Ti porto all’Opera” del Teatro Carlo Felice di Genova che proseguirà con “Il Barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini.

 

 

GENOVA – Il primo appuntamento estivo del Teatro Carlo Felice con la grande novità di portare l’Opera all’aperto, si apre con “Madama Butterfly”, tragedia giapponese in tre atti di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, con musica di Giacomo Puccini, in scena il 26 ed il 28 luglio alle ore 21.15, nella suggestiva cornice dell’Arena del Mare – Porto Antico di Genova.

 

A dirigere l’Orchestra e il Coro del Teatro Carlo Felice, sarà la bacchetta di Alvise Casellati che ritroveremo successivamente nella prossima Stagione lirica nella direzione del Don Pasquale dall’8 al 14 marzo 2019.

La regia curata da Vivien Hewitt, con scene e costumi del Teatro Carlo Felice, è essenziale e basata sulla sottolineatura emozionale della vicenda attraverso un raffinato gioco di luci.
Il cast è formato da un affiatato gruppo di giovani cantanti, prevalentemente genovesi: Federica Vitali interpreterà Cio-Cio-San, al debutto nel ruolo della protagonista, Marina Ogii nei panni della fedele ancella Suzuki e Gianni Mongiardino in quelli del tenente della flotta americana F.B. Pinkerton. Stefano Antonucci sarà il buon Sharpless, console degli Stati Uniti a Nagasaki, Alessandro Fantoni l’intrigante Goro, Giuseppe De Luca nel duplice ruolo del Principe Yamadori ed il Commissario Imperiale, Manrico Signorini lo zio Bonzo e Roberto Conti l’Ufficiale del Registro.

 


 

 

c.s.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento