LA DANZA TRA VISIVO E SONORO: UNA NUOVA VITA PER STRAVINSKIJ

Di il maggio 10, 2017

-GENOVA- L’artista italiana Cristina Kristal Rizzo sul palco dell’Archivolto per la sua reinterpretazione de “La sagra della primavera”.

 

Spettatori in platea che ascoltano la musica dello spettacolo in cuffia come nei raduni silent disco: così si presenta “La sagra della primavera. Paura e delirio a Las Vegas“, sovversiva rilettura della celebre partitura di Stravinskij a opera di Cristina Kristal Rizzo, nome di punta della danza contemporanea italiana, in scena venerdì alle ore 21.00 nella Sala Mercato del Teatro dell’Archivolto.

 

Formatasi a New York tra la Martha Graham School of Contemporary Dance e gli atelier di Merce Cunningham e Trisha Brown, successivamente rientrata a Firenze dove è stata tra i membri fondatori della pluripremiata compagnia Kinkaleri, dal 2008 Cristina Kristal Rizzo porta avanti un proprio percorso coreografico collaborando con diverse realtà coreografiche italiane.

 

Per quanto riguarda “La sagra della primavera” di Igor Fedorovic Stravinskji, pur avendo una prima reazione da parte del pubblico estremamente negativa, segnò un punto di svolta nella danza. Nel 2013 in occasione del centenario della prima rappresentazione Rizzo, che già ne aveva proposto una variazione per il Balletto di Toscana Junior, presenta la sua personalissima versione della Sagra, un sorprendente solo, da lei stessa danzato, in cui crea uno spiazzamento percettivo tra il visivo e sonoro. Il suo lavoro nel titolo allude all’atmosfera allucinata del romanzo di H. S. Thompson e del film di Terry Gillian che ne è stato tratto, si articola attraverso un’intensa coreografia. Sfidando l’abituale suggestione passiva dello spettatore, invitato ad ascoltare la musica attraverso cuffie mentre la danzatrice occupa il centro della scena, lo spettacolo pone una questione precisa: indaga il rapporto tra suoni e visione ricercando la presenza degli uni negli altri e viceversa.

 

Cristina Kristal Rizzo, dancemaker, è attiva sulla scena della danza contemporanea italiana a partire dai primi anni ’90. È tra i fondatori di Kinkaleri, compagnia con la quale ha collaborato attivamente attraversando la scena coreografica contemporanea internazionale e ricevendo numerosi riconoscimenti. Dal 2008 ha intrapreso un percorso autonomo di produzione coreografica indirizzando la propria ricerca verso una riflessione teorica dal forte impatto dinamico.

L’artista ha creato coreografie per i principali enti lirici e istituzioni teatrali italiane, tra i quali: il Teatro Comunale di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino, il Balletto di Toscana Junior, Ater Balletto.

“La sagra della primavera. Paura e delirio a Las Vegas” è stato presentato in prestigiosi festival, tra cui la Biennale di Charleroi Danses, Fabbrica Europa, Interplay, Santargangelo.

 

La foto in evidenza è di Thibault Gregoire.

 

venerdì 12 maggio 2017 ore 21
Teatro dell’Archivolto | sala Gustavo Modena
Cristina Kristal Rizzo
“La sagra della primavera. Paura e delirio a Las Vegas”
concept, coreografia, elaborazione sonora e danza Cristina Kristal Rizzo
musica Igor Fedorovic Stravinskij nella registrazione eseguita da The Cleveland Orchestra diretta da P. Boulez (1992)
disegno luci Carlo Cerri – produzione CAB008

 

Biglietti: da 7,50 a 22 euro.
Info e biglietteria: 0106592220 / 010412135, www.archivolto.it
Per maggiori info sull’artista: www.cristinarizzo.it

 

(C.S.)

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Chiara Tasso e Chiara Gaddi. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento