Il teatro fisico di Jakop Ahlbom alla Tosse con “Lebensraum”, gli spazi vitali

Di il Marzo 25, 2019

GENOVA – Presentato per la prima volta in Italia alla Biennale di Venezia 2018, arriva al Teatro della Tosse dal 28 al 30 marzo “Lebensraum” per la regia di Jakop Ahlbom, teatro fisico con una punta di magia.

Il regista svedese Jakop Ahlbom, anche attore e acrobata, ha una grande passione per gli horror anni ’60 e le commedie anni ‘20.

Ahlbom porta la magia del muto su un palcoscenico teatrale con uno spettacolo divertente e brillante. Lebensraum (in italiano “spazio vitale”) si ispira all’universo di Buster Keaton e alla slapstick comedy e alle comiche dei pionieri del cinema come Stanlio e Ollio e Charlie Chaplin.

All’epoca, a fare da sottofondo alle proiezioni dei film c’era la musica di un pianoforte. Questo spettacolo sarà invece accompagnato dal gruppo Alamo Race Track: si crea così un originale e divertente contrasto tra le atmosfere visive anni Venti e la musica rock contemporanea.

“Lebensraum” di Jakop Ahlbom

La storia racconta di due uomini che vivono in un piccolissimo appartamento. Per risolvere il problema di uno spazio così  stretto, i due hanno inventato mobili con una duplice funzione: il letto è anche un pianoforte, la libreria funge anche da frigorifero e così via … c’è tutto in casa, manca solo una donna. Decidono quindi di creare una bambola meccanica che li possa aiutare a svolgere i lavori domestici. Ma ben presto scoprono che la bambola pensa ed esprime opinioni e la loro  vita viene spassosamente sconvolta.

La tensione sale tra i due sale, la stanza diventa sempre più piccola e il divertimento scoppia in sala grazie a gag irresistibili.

Per info

www.teatrodellatosse.it

Botteghino tel.: 010 2470793

C.S.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento