Il Teatro della Tosse cerca un’attrice tra i 16 e i 20 anni: i dettagli

Di il novembre 5, 2018

Le richieste devono pervenire entro giovedì 8/11

 

GENOVA – Il Teatro della Tosse e Narramondo Teatro, con il sostegno del Conseil des arts du Canada, dell’Ambasciata del Canada a Roma, dell’Università di Genova e del Dipartimento di Lingue e Culture Moderne, stanno per inaugurare un nuovo progetto dedicato ai giovani. Il 5 e 6 febbraio debutterà in prima nazionale al Teatro della Tosse lo spettacolo Se mia madre mi facesse a pezzi, nessuno mi verrebbe a cercare con la regia di Elena Dragonetti, tratto dal romanzo canadese Et au pire, on se mariera di Sophie Bienvenu, tradotto da Sonia Fenoglio e Anna Giaufret. Nell’ambito di questo progetto si è scelto di dare l’opportunità a una ragazza tra i 16 e i 20 anni di essere la protagonista dello spettacolo.

 

Il 10 e 11 novembre negli spazi del Teatro della Tosse avrà luogo un laboratorio per conoscere le candidate e scegliere la più idonea al ruolo di Aïcha.

 

Chi è Aïcha: cresciuta in una delle periferie più disagiate di Montreal, è un’adolescente caotica, passionale, con una sensibilità a carne viva e un bisogno di amore e di attenzione insaziabile. Anche se le esperienze di vita le hanno chiesto di crescere in fretta, qualcosa nel suo sentire è rimasto impregnato di una freschezza commovente. A questa età, si ha la pelle viva – scrive l’autrice – O meglio, non si ha pelle.
E forse è proprio questo che rappresenta Aïcha una ferita aperta, e il fatto che lei non arrivi mai completamente a comprendere la propria sofferenza rende il suo personaggio particolarmente toccante.

 

Ammissione alla selezione: se hai un’età compresa tra i 16 e i 20 anni e vuoi partecipare al laboratorio di selezione del 10-11 novembre, scrivi un’e-mail a proposte.progetti@teatrodellatosse.it specificando nell’oggetto “Per selezione SE MIA MADRE

Le giornate del 10 e 11 saranno interamente dedicate al lavoro con le allieve, quindi le partecipanti dovranno essere disponibili nell’orario che indicheremo.

 

Le richieste devono pervenire entro giovedì 8/11.

 

(C.S.)

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento