Il rock dei “Brit Floyd” accende il Politeama Genovese

Di il ottobre 30, 2018

GENOVA – Il tour che porta i Brit Floyd a Genova segna una data importante, il 45esimo anniversario di “The Dark Side of the Moon”, iconico album targato Pink Floyd, uno dei lavori più ambiziosi e psichedelici della band, da molti considerato il più grande album rock della storia.

45 anni che i Brit Floyd celebrano riproponendo dal vivo tutti i brani del disco, assieme ad altre perle tratte dagli album “Wish You Were Here”, “Animals”, “The Wall” e “The Division Bell”.

La scenografia riprende con fedeltà lo spettacolare allestimento del “Division Bell Tour” del 1994, con tanto di schermo circolare, luci, laser e gonfiabili della tecnologia più avanzata, per uno show vicinissimo alla magnificenza dei Pink Floyd.

La prima volta è stata a Liverpool, gennaio 2011. Da allora i Brit Floyd hanno toccato ogni continente, riunendo oltre un milione di appassionati. Un successo straordinario per la formazione capitanata dal chitarrista Damian Darlington.

Ricordiamo che i bambini sotto i 5 anni accompagnati da un adulto accedono gratuitamente allo spettacolo in numero di un/a bambino/a per ogni adulto, ma non hanno diritto a occupare un posto a sedere.

I portatori di handicap possono acquistare un biglietto specifico al prezzo più basso previsto per l’evento ed entrare con un accompagnatore (a cui viene concesso un ingresso gratuito). I biglietti sono reperibili esclusivamente alla biglietteria del teatro. Info tel. 010.8393589.

 


Biglietti: 1° settore 40 euro; 2° settore 33 euro; 3° settore 27 euro
Prevendite Ticket One www.ticketone.it (tel. 892 101);
Info tel. 010.8393589 – 055.667566 – www.bitconcerti.it – www.politeamagenovese.it

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento