Il Comitato della Dante Alighieri ricorda la figura di Marcello Venturi

Di il maggio 14, 2018

GENOVA – Domani alle ore 17, presso la Biblioteca Civica Berio (foto in copertina), Sala dei Chierici, via del Seminario, il Comitato di Genova della Dante Alighieri presenta In ricordo di Marcello Venturi, premio Dante Alighieri per la cultura 2005 con testimonianze, immagini e parole in video a cura di Francesco De Nicola e letture di Enrico Campanati tratte dall’opera prima di Marcello Venturi, Dalla Sirte a casa mia, ristampata dalle edizioni Gammarò

Marcello Venturi (Seravezza, Lucca 1925 – Molare, Alessandria 2008) è stato uno dei maggiori narratori italiani della seconda metà del Novecento. Scoperto da Vittorini, che nel 1946 lo fece esordire sul “Politecnico” con racconti che interpretavano nel modo più alto e coinvolgente gli obiettivi del neorealismo e divenuto poi collaboratore e quindi redattore del quotidiano comunista “l’Unità”, pubblicò nel 1952 il suo primo libro, Dalla Sirte a casa mia, cui venne assegnato il premio Viareggio opera prima. Dopo aver pubblicato nel 1956 Il treno degli Appennini, che segnava la conclusione del neorealismo, e nel 1962 L’ultimo veliero, un’intensa storia sulla vitalità della vecchiaia, nel 1963 diede alle stampe Bandiera bianca a Cefalonia, da allora più volte ripubblicato fino al 2013 e tradotto in 14 lingue. In numerosi successivi libri ha affrontato temi legati, come nel Padrone dell’agricola (1979) ai luoghi della sua dimora nel Monferrato dopo il matrimonio (1960) con la scrittrice Camilla Salvago Raggi, ma anche alla sua uscita dal Pci nel 1956 dopo i fatti di Ungheria (in Sdraiati sulla linea, 1991), concludendo la sua intensa carriera di narratore con l’uscita, pochi giorni prima della sua scomparsa, dei racconti di All’altezza del cuore. Inviato come giornalista nel 1955 al Giro d’Italia, ha raccolto quelle sue vivaci corrispondenze nel libro Sulle strade del Giro (2004).

 

C. S.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Chiara Tasso e Chiara Gaddi. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento