ERMAL META ILLUMINA IL CARLO FELICE: LE FOTO DEL CONCERTO

Di il Marzo 25, 2019
Emilio Scappini

Il cantautore italo-albanese ha fatto tappa a Genova con il tour insieme al quartetto genovese Gnu Quartet regalando emozioni al pubblico

GENOVA – Un’artista che si riconferma sempre di più nel panorama della musica italiana. Ermal Meta fa il tutto esaurito al Teatro Carlo Felice di Genova dove, lo scorso sabato 23 marzo, ha fatto tappa con il suo tour nei teatri italiani insieme agli Gnu Quartet.

Nessun nuovo album in uscita ma un concerto con le migliori canzoni del suo repertorio, un “best of” con tanti omaggi agli artisti internazionali a cui il cantante si sente legato.

L’esibizione nel teatro più importante della città si è aperta con Pierfrancesco Cordio che direttamente da Sanremo Giovani ha scaldato il pubblico con il pop d’autore dei brani “Almeno tu ricordati di me” e “La nostra vita”.

Poi ad accompagnare il cantautore italo-albanese sul palco gli Gnu Quartet, gli artisti genovesi Stefano Cabrera, Roberto Izzo, Francesca Rapetti e Raffaele Rebaudengo che con viola, violino, violoncello e flauto hanno regalato un sound unico e diverso ai brani ormai celebri di Ermal Meta. Da “Voce del verbo” a “Voodoo Love” senza dimenticare “Dall’alba al tramonto”, “Vietato morire” e “Non mi avete fatto niente” con cui Meta ha partecipato a Sanremo 2018 insieme a Fabrizio Moro.

Non sono mancate le cover come “Unintended” dei Muse e “Amara terra mia” di Domenico Modugno” e le canzoni che Meta ha inciso insieme a La fame di Camilla “Niente che ti assomigli” e “Due lacrime”.

Fotogallery a cura di Emilio Scappini

Il tour di Ermal Meta e gli Gnu Quartet, partito a fine gennaio da Nizza Monferrato si concluderà con una doppia data a Torino che già da settimana vanta il tutto esaurito.

Su Emilio Scappini

Istrionico, poliedrico, sempre sul pezzo. Per lui la fotografia è un'arte e una missione. Ha fatto di un hobby una passione trasformando ogni immagine in un ritratto da incorniciare. È la perfetta sintesi di esperienza ed entusiasmo al servizio della redazione.

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento