BORGHI, PIAZZE E VILLE: LE TAPPE DELL’ESTATE DEL TEATRO DELLA TOSSE

Di il giugno 20, 2018

Tutti gli spettacoli in programma, tra “Le nove lune” a Villa Duchessa di Galliera e il tradizionale appuntamento di Apricale

 

GENOVA – La bella stagione è alle porte e, con i primi caldi che si fanno già sentire, il Teatro della Tosse prepara i bagagli. Ma non per andare in vacanza, ma per raddoppiare. Il festival “La Tosse d’estate”, che inaugura la stagione estiva il 4 luglio, non sarà più unicamente in Centro Storico, portando otto spettacoli tra l’Area Archeologica dei Giardini Luzzati e, novità di quest’edizione, Villa Duchessa di Galliera, a Voltri.

 

Il debutto di “Le nove lune” l’anno scorso ad Apricale

«Abbiamo deciso di chiamarla “La Tosse d’estate – Raddoppia” – spiega Amedeo Romeo, direttore del Teatro della Tosse – perché invece di avere un solo polo, come in “La Tosse d’estate fa centro” degli ultimi cinque anni, ne avrà un altro a dir poco suggestivo: il teatro all’interno del parco di Villa Duchessa di Galliera, che ospiterà sei spettacoli». Dopo gli appuntamenti genovesi, il teatro si sposterà in altre piazze e borghi, toccando Albissola Marina, Bordighera, Varigotti, Noli e Apricale, dove, come da tradizione, si chiude la stagione estiva della Tosse con “… e le stelle stanno a guardare”, «rassegna ormai alla ventinovesima edizione – prosegue Romeo -. Quest’anno lavoreremo immaginando di far compiere al pubblico un viaggio, come quello compiuto da Marco Polo, verso l’oriente». Messo in scena tra le piazze e le vie del borgo di Apricale, “Un milione di scatole cinesi” è stato scritto da Romeo insieme a Emanuele Conte, anche in regia.

 

“Le nove lune”, il primo appuntamento del cartellone estivo (4-7 luglio, ore 21.15), «andrà in scena a Villa Duchessa di Galleria – afferma Emanuele Conte, presidente e regista residente della Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse – che cercheremo di far vivere con una rappresentazione che parla della luna. La luna ci accompagna, ci osserva, stimola storie: è una musa ispiratrice per poeti e artisti, e volevamo dedicarle uno spettacolo». La stagione prosegue con “Ali Babà” (8 luglio, ore 19, Parco Villa Duchessa di Galliera” e con “La Strega” (10 luglio, ore 21.15, Area Archeologica Giardini Luzzati), scritto e diretto da Laura Sicignano e tratto dal romanzo Premio Strega “La Chimera” di Sebastiano Vassalli. L’11 luglio (ore 21.15, Parco Villa Duchessa di Galliera) tocca ad “Amletto” «che riproponiamo – aggiunge Conte – molto volentieri, dopo il successo della stagione appena terminata. È uno spettacolo che, oltre ad aver dato tanto ad Enrico Campanati e a me, ha saputo trasmettere molto al pubblico: molti spettatori hanno trovato diversi spunti di riflessione, riuscendo a trovare chiavi di lettura per le proprie esperienze di vita».

 

La Favola del Flauto Magico

“La Duchessa di Galliera” di Laura Sicignano ritorna il 12 luglio (ore 21.15) a Villa Duchessa di Galliera, dopo lo spettacolo per i 130 anni dalla morte della celebre nobile genovese. Il giorno successivo (ore 21.15) va in scena la storia della scultrice francese Camille Claudel in “Moi”, scritto da Chiara Pasetti e diretto da Alberto Giusta. Il 14 e il 15 luglio (ore 21.15) si torna all’Area Archeologica dei Giardini Luzzati con il Balletto Civile in “Pezzo Orbitale – Paesaggio sonoro per corpi in ascolto”, ideato e con coreografie di Michela Lucenti. Oltre agli appuntamenti genovesi, la Tosse toccherà anche Albissola Marina con “Il Pifferaio di Hamelin” (3 luglio), Bordighera con “La Favola del Flauto magico” (22 luglio), “Escargot” (30 luglio) e “Pollicino” (6 agosto), Varigotti con “Il Flauto magico” (18 agosto) e Noli, con due spettacoli dal 12 al 15 luglio, più un appuntamento speciale il 17 agosto.

 

I biglietti per “Le nove lune” costano 15€ (ridotto a 13€), quelli per “La Strega”, “Amletto”, “Moi”, e “Pezzo Orbitale” 10€ (ridotto a 8€), mentre “Alì Baba” e “Il Flauto Magico” sono gratuiti.

Su Giulio Oglietti

Cresciuto tra la nebbia e le risaie del Monferrato, è a Genova dal 2013. Laureato in Scienze Politiche e laureando in Informazione ed editoria, inizia il tirocinio a GOA a luglio 2017, dove rimane come collaboratore da novembre dello stesso anno. Metodico e curioso, è determinato a diventare giornalista.

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento