Appuntamento al Teatro dell’Ortica con “Escatologia, storie di trasloco permanente” e “A due”

Di il Marzo 26, 2019

GENOVA – Con la Primavera continuano a crescere le attività del Teatro dell’Ortica: in attesa di prossime notizie sul Festival dell’Acquedotto e sulle repliche di “Sintomatologia dell’esistenza” del gruppo Stranità, questa settimana ha in calendario appuntamenti da non perdere.

“Escatologia, storie di trasloco permanente”

Giovedì 28 marzo, alle ore 20.30 presso il Teatro dell’Albero di San Lorenza la Mare (Imperia) andrà in scena ‘Escatologia, storie di trasloco permanente’, il risultato di un laboratorio di teatro sociale, organizzato insieme al Dipartimento di salute mentale e delle dipendenze di Asl1: sul palco il gruppo dei Viaggiatori Sognati, con la regia di Anna Solaro e Giancarlo Mariottini. Un’intera città in viaggio, come quell’Entropia di calviniana memoria i cui abitanti rinnovano la loro vita di trasloco in trasloco, nella perenne ricerca della felicità. Tante scatole, piccole, grandi, grandissime, da lanciare in aria o da maneggiare con estrema cura: scatole piene di pensieri, scatole dove ordinare incubi, scatole di documenti dove custodire le propria identità e le proprie crisi di identità, scatole dove riporre al sicuro le cose preziose e fragili, scatole in cui è possibile ritrovare la propria idea del mondo.

“A due”

Sabato 30 marzo alle ore 21, sul palco del Teatro dell’Ortica di via Allende, torna il Teatrino di Bisanzio, di Anna Giarrocco e Andrea Benfante: ‘A due’ è il titolo dello spettacolo che porta in scena un testo ineditamente drammatico e introspettivo, incentrato sulle luci e le ombre della vita di un duo che è coppia nella vita come nello spettacolo. Una crisi, una discesa, seguita da una risalita che porterà ad un nuovo inizio. Forse.

Per info

www.teatrortica.it/evento/escatologia-storie-di-trasloco-permanente/

www.teatrortica.it/evento/6490/

C.S.

Su Redazione

Il direttore responsabile di GOA Magazine è Tomaso Torre. La redazione è composta da Claudio Cabona, Giovanna Ghiglione e Giulio Oglietti. Le foto sono a cura di Emilio Scappini. Il progetto grafico è affidato a Matteo Palmieri e a Massimiliano Bozzano. La produzione e il coordinamento sono a cura di Manuela Biagini

Devi accedere per lasciare un commento Login

Lascia un commento